Codice rosso nei panni di chi guida: se a far parlare di emergenza è un video su TikTok

Dura meno di mezzo minuto, e sta spopolando sui principali social: è l’incredibile filmato di un autista di ambulanza che si destreggia nel traffico durante un codice rosso. Quanto sappiamo realmente di come sia guidare in emergenza?

Su YouTube ha già 17.896 visualizzazioni dal 14 febbraio, è un video brevissimo pubblicato originariamente su TikTok, seguito a ruota da Instagram. Mostra, dal punto di vista dell’autista, un veicolo di soccorso che schiva il traffico durante un’emergenza. Non siamo in Italia, bensì in Turchia: ecco perché non hai visto titoloni di giornale su questo autista di ambulanza che, tra frenate improvvise e manovre “pericolose”, conduce con grande abilità il mezzo di soccorso in mezzo al traffico.

Immagini proposte dall’interno dell’abitacolo, che fanno abbastanza impressione: come se avessimo davanti il parabrezza dell’ambulanza, vediamo rapidamente passare i veicoli che la precedono e che la affiancano, un movimento a zig zag tra frenate e manovre repentine, senza il tempo di prevederle e miracolosamente senza che gli altri mezzi vengano mai sfiorati.

Le condizioni del traffico turco in generale, e in questo video pubblicato su TikTok in particolare, non sono favorevoli. Nel filmato si vedono chiaramente molte automobili incolonnate, poco spazio di manovra che ingenera un senso di pressione anche nello spettatore: fa provare la sensazione di urgenza che deve sperimentare chi si muove nel traffico durante un’emergenza, per superare senza danni gli altri veicoli ed arrivare il prima possibile a destinazione.

Prima di procedere oltre, teniamo a precisare che il video che sta spopolando sui social non è girato da chi guida (altrimenti il fatto sarebbe abbastanza grave, per usare un eufemismo: percepiamo la tua disapprovazione perfino da qui). È un caso particolare, forse non il primo, ma quello che sta generando più scalpore. Un boom di visualizzazioni motivato dal fatto che vi si mostra, con estrema semplicità e in maniera diretta, quella che per un autista di emergenza è una normale situazione di servizio, un trasporto paziente durante un codice rosso.

Cosa sappiamo realmente di cosa voglia dire gestire una situazione di pressione nel traffico? Avevamo anticipato la questione qui. Essere un conducente di mezzi di soccorso è un lavoro duro, delicato e non adatto a tutti, perché comporta una serie di responsabilità e abilità particolari. Raggiungere il luogo di un incidente, saper posizionare il mezzo di soccorso sul luogo dell’intervento, conoscere il comportamento dinamico del veicolo e le tecniche appropriate per condurlo senza scosse su qualsiasi tipologia di tracciato, essere preparati a gestire lampeggianti e sirene accese in una situazione di stress, sono cose che non si possono improvvisare.

 

 

Ecco perché affrontiamo tutti questi argomenti nei nostri corsi per autisti di veicoli sanitari, ed ecco perché abbiamo creato Formazione EMO (Emergenza Medicalizzata e Ordinaria), consci che un delicato lavoro necessita del più alto grado di professionalizzazione.

Scopri tutto sui corsi per autisti di veicoli sanitari!

La difficoltà di destreggiarsi nel traffico, che si tratti di una grande città o di un piccolo centro urbano – in questo secondo caso le complicanze sono date dai ridotti spazi di manovra e dalle strettoie che caratterizzano molti paesini dell’entroterra – è un fatto reale, a cui vanno aggiunti i problemi legati all’urgenza, la necessità di prontezza di riflessi da parte dell’autista e l’esigenza di sicurezza per il paziente e l’equipaggio.

Perché TikTok

Ti sarebbe mai venuto in mente, nei panni di un autista di autoambulanza, di realizzare (far realizzare) un video di te che guidi durante un codice rosso nel traffico e postarlo su TikTok? Nel video si mette in luce in soli 37 secondi l’abilità richiesta a chi guida un mezzo di soccorso. Questa semplice azione ha avuto più impatto di un’intervista alla BBC.

Dobbiamo abituarci, il mondo è cambiato. La maggior parte delle news, delle mode, delle tendenze, delle reazioni, dei cambiamenti che interessano moltissimi campi del reale (dal costume, alla cucina, alla lingua in continua evoluzione) oggi passano per i social. TikTok, social network cinese lanciato nel 2016, permette ai suoi utenti di realizzare e condividere video creativi che divertono o istruiscono, relativi a qualsiasi tema. È il social più utilizzato dalla generazione Z – quella dei nativi digitali, nati tra il 1997 e il 2012 – con oltre un miliardo di utenti attivi in tutto il mondo, e persino un’istituzione storica come l’AIE (Associazione Italiana Editori) ha deciso di dedicare per la prima volta un appuntamento formativo in webinar a questo nuovo canale di marketing, condivisione della cultura e delle informazioni. Ma abbandoniamo i libri e torniamo all’emergenza.

Un lavoro che richiede formazione

Lasciando da parte il caso particolare, le motivazioni che hanno spinto l’autista di ambulanza turco a pubblicare questo stralcio di vita personale e la visibilità che ciò ha avuto, possiamo a maggior ragione riflettere su quanto sia cruciale soprattutto in situazioni come quella citata, nel traffico e con poco spazio e tempo a disposizione, avere la certezza che chi è incaricato di simili compiti abbia una preparazione adeguata. Il trasporto di un paziente durante un codice rosso in pieno traffico e come le circostanze possano incidere sullo stile di guida sono tematiche molto importanti, talvolta purtroppo non trattate con sufficiente coscienza. Avere abilità e sangue freddo sono grandi doti, ma non bastano, ed ecco perché sempre più Associazioni e autisti privatamente stanno investendo in formazione.

 

 

Cerca di immedesimarti in chi è al volante alla guida di un mezzo di soccorso sfrecciando tra gli altri veicoli: molto spesso vediamo ambulanze muoversi nel traffico come se gli ostacoli non esistessero, e ci sentiamo sotto pressione anche se quel che dobbiamo fare, da parte nostra, è semplicemente farci da parte per facilitare il passaggio, e non salvare una vita.

Guidare è un atto collettivo, e sociale, non un’azione da compiere alla leggera. Guidare in modo consapevole, e soprattutto dopo un’opportuna formazione, contribuisce a ridurre la possibilità di coinvolgere o essere coinvolti in un incidente stradale, nell’ottica della creazione di un modello di circolazione più sicuro per tutti, a partire dall’ambiente percorso, la strada.

Gli autisti di veicoli sanitari, di mezzi di soccorso, sono nella maggior parte dei casi persone con un grande senso di solidarietà e con attitudine al supporto e al sacrificio: se ciascuno di questi guidatori applicasse le tecniche della guida sicura, e avesse le nozioni cardine di un approccio consapevole alla guida, sarebbe possibile eliminare, o perlomeno limitare, la maggior parte di rischi molto comuni ma molto dannosi, causati dal comportamento avventato o disattento degli altri utenti della strada, e talvolta anche di loro stessi. Essere sempre in corsa contro il tempo per raggiungere il luogo di intervento o per salvare pazienti e feriti non è semplice! Quelle del filmato campione di visualizzazioni sui social, in ogni caso, sono manovre pericolose da non replicare senza aver fatto prima un corso di guida sicura.

Cosa ne pensi? Se fossi tu quell’autista, ti sarebbe venuto in mente di mostrare al mondo tramite TikTok un simile spaccato di vita in diretta? Scrivicelo nei COMMENTI qui sotto. Se vuoi approfondire l’argomento o proporre il prossimo contattaci attraverso il MODULO “RICHIESTA DI CONTATTO“. A presto!

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *